Aboca Malva tisana 20 bustine

7,80 6,63
Sconto 15%

3 disponibili

Solo 3 disponibili
COD: 906935162 EAN: ATC/GMP: 4AX9 Categoria: Marca: Aboca
DETRAZIONE FISCALE
Il prodotto potrebbe essere detraibile dalla dichiarazione dei redditi.
In fase di completamento dell'ordine ti verrà richiesto il tuo codice fiscale.
Lo scontrino parlante verrà inserito all'interno del pacco che riceverai a casa. Maggiori informazioni
?
?
?

Aboca Malva tisana 20 bustine

Aboca Malva tisana 20 bustine.

Malva Proprietà lenitive e idratanti

Aboca coltiva questa pianta (Malva sylvestris L.), secondo i dettami dell’Agricoltura Biologica, seguendone direttamente la produzione, dalla raccolta al confezionamento finale.
Il nome della pianta deriva dal latino “mollire” cioè “emolliente”, proprietà questa che si deve all’elevata quantità di mucillagini contenute nelle foglie che sono in grado di assorbire molecole di acqua.
Questo parametro, misurato come “indice di rigonfiamento”, non deve essere inferiore a 7. Dalla tradizione ai giorni nostri, Aboca ha trasformato il “rimedio della nonna”, da sempre utilizzato per le proprietà idratanti, in un prodotto di alta qualità.

Modo D’uso

Un filtro è sufficiente per preparare una tazza di infuso.
Versare l’acqua portata all’ebollizione in una tazza contenente la bustina filtro e mantenere in infusione dai 5 ai 7 minuti, avendo cura di tenere coperto il contenitore per non disperdere le sostanze più volatili. Per dolcificare, consigliamo l’uso del miele.

Confezione da 20 bustine da 1,3 g ciascuna.

Ogni singola bustina filtro è realizzata con un sistema brevettato di chiusura “annodata” che evita l’uso di collanti e punto metallico. Per mantenere al meglio le caratteristiche organolettiche e le proprietà delle erbe, ogni filtro è confezionato in bustina “salvaroma”.

Ingredienti

Foglie e fiori di Malva
(Malva sylvestris L.)

Modalità di assunzione

bustine

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Scroll Up